Lite in Tv fra Bocchino e Sallusti

Lite in Tv fra Bocchino e Sallusti

Lite Bocchino sallusti

Vera e propria lite in Tv scoppiata fra Bocchino e Sallusti. I due protagonisti si sono trovati l’uno di fronte all’altro durante una trasmissione televisiva in onda su “La 7” e non si sono risparmiati pesanti invettive reciproche. Il vice presidente di Fli si è dimostrato subito molto nervoso nei confronti del direttore de “Il Giornale“, per il semplice fatto che vedeva, in Sallusti, la persona che aveva ostacolato sua moglie nella realizzazione di una produzione televisiva. Come è risaputo, infatti, la moglie di Italo Bocchino è una produttrice televisiva che, negli ultimi tempi, usufruendo di fondi pubblici per la realizzazione di contenuti televisivi, era incappata su una presunta irregolarità sui contratti.

È bastato che il direttore Sallusti toccasse questo argomento che Bocchino ha proferito: “Berlusconi ti ha scelto per fare il killer. Dicci quanto ti paga”. La risposta del direttore del Giornale non si è fatta attendere: “Il tuo stipendio lo pago io così come lo pagano tutti gli Italiani. Mangi sui soldi pubblici, sei un mantenuto”.

La rissa televisiva è andata avanti, col contestato coordinatore di Fli, Bocchino, sempre teso ad affermare la trasparenza della moglie Gabriella Buontempo. Il braccio destro di Fini si è affannato a dimostrare come sua moglie fosse la produttrice del programma di Pippo Baudo per contratto e che, adesso, dopo una campagna stampa di Sallusti, lo stesso contratto fosse stato revocato.

“I telespettatori devono sapere che per la prima volta in 50 anni non hanno potuto vedere Pippo Baudo in Rai. Mia moglie ha diritto a fare il proprio lavoro”, ha esclamato Italo Bocchino. Gelo da parte del direttore del Giornale, già sottoposto a perquisizioni dopo un articolo sulla Boccassini.

379

Segui NanoPress

Lun 07/03/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08