Nicole Minetti si trasferisce negli Stati Uniti: “Voglio diventare first lady” [FOTO]

Nicole Minetti si trasferisce negli Stati Uniti: “Voglio diventare first lady” [FOTO]

Nicole Minetti sensuale, le foto della consigliera regionale lombarda

Nicole Minetti non lascia stare nemmeno la minima occasione di far parlare di sé. E’ una donna piena di contraddizioni, che poi tra l’altro non ci è dato sapere se sono reali o apparenti. A tal proposito, la sapete l’ultima? La consigliera lombarda ha deciso di cambiare vita, almeno così avrebbe annunciato e ha scelto di andare negli Stati Uniti, prospettando un cambiamento radicale della sua esistenza e delle sue abitudini. Nicole Minetti ha dichiarato di volersi trasferire pur un po’ negli USA. Sarà la volta buona, per fare un po’ di ordine nella sua turbolenta vita pubblica e privata?

  • Nicole Minetti in bikini
  • Nicole Minetti fa la smorfia
  • Nicole Minetti, politica della Lombardia
  • Nicole Minetti in bikini
  • Nicole Minetti al mare
  • Nicole Minetti in bikini leopardato

Adesso addirittura spera di poter diventare la first lady americana o di incontrare un uomo alto e che gioca a baseball, per farsi conquistare. La politica resterà nel suo cuore e sul futuro nutre incertezze: “Potrei essere sposata e con tanti bimbi“, ha detto a chiare lettere.

Eppure non è passato molto tempo da quando, da vera dura, la Minetti aveva annunciato di volersi ricandidare, decisa a non mollare i suoi incarichi politici. Sarà? Come dobbiamo interpretare questa tendenza statunitense? In fin dei conti sarà passata solo una settimana da quando Nicole Minetti aveva deciso di non rinunciarvi.

Nonostante abbia optato per le dimissioni, aveva deciso che forse sarebbe stato il momento di ritornare in politica. Era questa la sua intenzione, visto che l’ex consigliera della Lombardia ha dichiarato espressamente che avrebbe voluto ricandidarsi e questa volta sarebbe stata intenzionata a fare il pieno di voti. La Minetti non avrebbe voluto lasciare la politica e le sue dimissioni a quanto pare per lei sono state soltanto un gesto doveroso, per manifestare la sua vicinanza a Formigoni in un momento molto delicato.

Secondo la Minetti, Maria Stella Gelmini potrebbe succedere a Formigoni. Fra politica e vita privata, Nicole Minetti spiega che è contraria all’abolizione del listino, perché sarebbe uno strumento a vantaggio dei giovani. Poi espone la sua filosofia: un uomo al giorno toglie il medico di torno, senza contare che per lei (sono proprio le sue parole) il sesso è una medicina.

Non ci stupisce quindi anche un’altra rivelazione che Nicole Minetti ha fatto a questo proposito. Per lei, come ha detto ad un’intervista che ha rilasciato al settimanale Diva e Donna, senza l’amore fisico la sua vita sarebbe vuota.

Inoltre la Minetti ha rivelato, sempre in tema di vita intima e privata, di essere stata con una donna. A quanto pare per lei la passione è irrefrenabile. La Minetti ha specificato che il suo sogno proibito è Angelina Jolie.

Nicole ha specificato di essere single, ma non ha esitato a fare il punto sui lati più piccanti della propria vita privata, per la gioia dei suoi fan e (perché no?) per una “pubblicità”, che di certo non può che portarle vantaggi.

La Minetti ha specificato: “Per un’ora, un mese o tutta la vita, mi faccio sempre travolgere dalla passione“. Attenzione, però, non crediamo che si riferisse alla passione per la politica.

La consigliera regionale del Popolo della Libertà alla Regione Lombardia, Nicole Minetti, aveva firmato la lettera di dimissioni, come hanno fatto anche i suoi colleghi di partito. L’ex showgirl di Colorado Cafè, che nell’ultimo periodo era finita al centro delle polemiche per la sua partecipazione come modella alla sfilata della settimana della moda milanese, per il marchio di abbigliamento Parah, ultimamente non aveva partecipato ieri alla riunione dei consiglieri con il presidente della Lombardia.

Il capogruppo PdL al Pirellone, Paolo Valentini, ha assicurato che fra le firme a sua disposizione ci sarebbe stata sicuramente quella della Minetti che l’ha contattato telefonicamente.

Il segretario politico del Popolo della Libertà, Angelino Alfano, aveva chiesto le dimissioni di Nicole Minetti già a metà luglio durante un programma televisivo. Ma l’ex igienista dentale di Silvio Berlusconi ha resistito fino a quando il Governatore della Regione Lombardia Roberto Formigoni ha annunciato che la sua legislatura era giunta al termine per i numerosi scandali politici che l’hanno travolto e per i troppi ribaltoni della Lega Nord di Roberto Maroni.

Ma non tutti i consiglieri regionali del PdL hanno voluto firmare le dimissioni. Ad esempio Angelo Giammario, Gianluca Rinaldin e Paola Camillo non hanno firmato la lettera di dimissioni. Lo stesso dicasi per l’ex assessore Stefano Maullu che dopo aver dato l’ok, ha ritirato la sua adesione. «A fronte di una volontà suicida più simile ai kamikaze di Bin Laden che al pensiero moderato e anche cattolico, a cui molti dicono di ispirarsi – ha scritto Giammario in una lettera - ho detto di no. Abbiamo fatto la legge elettorale? Si è formata la Giunta tecnica? E’ stato rispettato l’accordo con Maroni e Alfano? No! No! No!». Il capogruppo Valentini ha affermato che le firme erano in abbondanza, pensando ai 28 consiglieri di opposizione che avevano già messo a disposizione le loro dimissioni.

Cosa ha fatto la Minetti in Consiglio regionale?

L’ex soubrette di Colorado Cafè Nicole Minetti è stata eletta consigliera regionale del Popolo della Libertà alla Regione Lombardia, grazie al listino bloccato, alle ultime regionali del 2010. Il nono consiglio nella storia della Regione è stato eletto il 28 marzo 2010 e la candidatura dell’ex showgirl è stata fortemente voluta dall’ex premier Silvio Berlusconi, scatenando una marea di polemiche. Ma cosa ha fatto la Minetti in questi due anni e mezzo di legislatura? In questo periodo ha presentato solamente tre documenti (due interrogazioni e una mozione) in Consiglio regionale. Prima una mozione per l’istituzione di albi che riconoscessero alcune professioni mediche come igienista dentale e fisioterapista, poi un’interrogazione sul pap test e per ultimo alcune settimane fa un’interrogazione sull’esistenza delle banche del latte materno in Lombardia che siano attive e in grado di fornire gratuitamente latte materno controllato-pastorizzato sia alle strutture ospedaliere che ai privati che per motivi di salute ne facciano richiesta.

1068

Segui NanoPress
Continua a leggere >>

Mar 30/10/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

Pubblica commento
Cesara 18 luglio 2012 17:04

L’ha pagata a peso? Solo tutto quel silicone nelle sue tette il prezzo è andato su. Contento lui….

Rispondi Segnala abuso
Michele Renzulli 18 luglio 2012 17:33

Non riesco a comprendere del perchè le dimissioni della Minetti. Domandiamoci perchè è diventata consigliere regionale?, chi l’ha proposta?, chi l’ha sopportata?, nessuno si è vergognato di averla in lista?, quanti , di ogni ordine e grado nel PDL hanno taciuto?. Sarebbero più giuste le dimissioni di Frattini e tutti i Formigoni compresi. Benedetta ipocrisia. Comincio a capire che l’Italia ipocrita e ” pretesca” non finirà mai. Votate cittadini, lombardi e non, alle prossime elezioni non la Minetti ma magari una sua sosia, che dopo qualche anno si scoprirà per la “nipote di Mubarak.
michele

Rispondi Segnala abuso
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08