Sviluppo, nuove norme sull’eredità

Sviluppo, nuove norme sull’eredità

Silvio Berlusconi con la moglie Veronica Lario

Il decreto Sviluppo contiene anche delle nuove norme sull’eredità. La bozza di legge presentata dal Governo, dunque, contiene molti provvedimenti, sia a carattere economico sia a carattere normativo. Il contagocce con il quale ci arrivano le notizie sulle nuove disposizioni di legge ci fa capire che il prossimo documento legislativo dell’Esecutivo Berlusconi è destinato a riformare molti settori. Il cosiddetto decreto Sviluppo, tuttavia, resta di vitale importanza per dare una scossa al sistema economico italiano per consentire quella crescita economica più volte caldeggiata dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

In particolare, le nuove norme sull’eredità danno la facoltà al testatore di privilegiare una persona piuttosto che un’altra, con una facoltà di attribuire una quota dell’asse ereditario ad uno o più figli con alcune modalità.

L’introduzione di una riforma del diritto di successione, nel decreto Sviluppo, ha aperto un’ulteriore polemica con le opposizioni, che vi hanno visto una nuova legge “ad personam” a favore del Premier. Infatti, c’è chi ha pensato al patrimonio della Fininvest da dividere all’interno della famiglia Berlusconi. Inoltre, nella bozza del decreto Sviluppo del Governo ci sarebbero 12 condoni.

262

Segui NanoPress

Mar 25/10/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08